La mia carta

Vicino

PRENOTA UNA CONSULENZA | Clicca qui per programmare una chiacchierata veloce o visitare una delle nostre tre sedi

VINCITORI DI: INTERNATIONAL WEDDING CANCELLERIA DELL'ANNO 2023 E THE KNOT BEST OF WEDDINGS

Breve storia degli inviti di nozze

Scritto da Marta Szczerba

• 

Pubblicato il gennaio 06 2014

Qui a Cartalia abbiamo pensato che sarebbe stato interessante conoscere un po' la storia della partecipazione a nozze! Quindi ecco un breve riassunto di ciò che abbiamo imparato:

Tutto ebbe inizio con un banditore: prima della stampa, un gentiluomo camminava per le strade annunciando ad alta voce le nozze – tradizionalmente, chiunque fosse a portata d’orecchio diventava parte della celebrazione. Da allora la partecipazione a nozze, che è una forma di comunicazione sociale, ha avuto nel corso dei secoli uno sviluppo notevole.
Nel Medioevo, le famiglie benestanti commissionavano ai monaci di scrivere a mano i loro avvisi con una bella calligrafia. Dato che l’analfabetismo era diffuso e la stampa o la scrittura erano costose, gli inviti di nozze erano considerati un privilegio dell’élite.

Calligraphy_cartalia_milan_weddingstationery

L'aristocrazia incaricava i monaci di scrivere i loro inviti di nozze 

La democratizzazione degli inviti di nozze è avvenuta in due fasi: in primo luogo, le tecniche di stampa di massa, a partire dall'invenzione della litografia da parte di Alois Senefelder nel 1798, hanno consentito di produrre gli inviti a un prezzo inferiore e quindi di essere accessibili alle masse. In secondo luogo, i libri di etichetta americani degli anni '50, scritti da Emily Post o Amy Vanderbilt, hanno reso popolare il concetto di pregiata cancelleria per matrimoni e, in generale, l'uso di cancelleria per eventi sociali. Ad esempio, Vanderbilt sottolinea che "il nome di una buona cancelleria impresso sotto il lato piatto della busta conferisce un certo prestigio e non costa nulla in più".

Emily Post Etiquette, 1951 Cartoleria per matrimoni Cartalia Milano

Il galateo di Emily Post

Una delle mode recenti negli inviti di nozze è il revival della tecnica tipografica ad alta intensità di manodopera. Come osserva The Economist , la stampa tipografica è solitamente preferita dagli "amanti dell'estetica più ruvida... che cercano il tipo di autenticità che facevano i panettieri artigianali". La tecnica della stampa tipografica è stata resa popolare negli anni '90 attraverso la rivista Martha Stewart Weddings Magazine e ha vissuto una rinascita come risultato dell'aspirazionale stile di vita del New England promosso da Stewart.
WESTIMINSTER_flower_cartaliamilan

WESTMINSTER , uno dei nostri inviti Atlantis, prodotto con la tecnica Letterpress

Con Paperless Post, gli inviti di Facebook e la proliferazione di siti web per matrimoni, il settore sta entrando in una nuova fase, ma non abbiamo dubbi che Amy Vanderbilt o Emily Post disprezzerebbero questa digitalizzazione: dopo tutto, l'etichetta del matrimonio è tutta una questione di inviti raffinati.